Menu

Articoli correlati

Indietro agli Ultimi Articoli

Virus mail e problemi con gli aggiornamenti Windows 10

Virus e aggiornamenti possono diventare spiacevoli inconvenienti se non prevenuti. Possono farci perdere tempo e denaro, oltre che a renderci vulnerabili. Esistono degli accorgimenti? Ovviamente si, vediamoli insieme!


Virus mail e problemi con gli aggiornamenti...

Lo sappiamo: ogni volta che utilizziamo un computer o una connessione internet, corriamo il rischio di ricevere virus mail o di avviare aggiornamenti di sistema che possono rallentarci nelle attività o che bloccano il nostro lavoro.

Nelle ultime settimane, infatti, molti utenti Windows 10 stanno riscontrando problemi in seguito a pesanti aggiornamenti (Anniversary Update) che rallentano in modo significativo tutti quei pc che hanno solamente 4Gb di RAM.

Dopo il riavvio del computer è possibile che questo diventi inutilizzabile o che non vi permetta più di accedervi e di interagire con il dispositivo stesso.
Stando alle indagini compiute, la cosa si verifica in maniera più frequente se il sistema operativo è installato su una SSD, mentre app, documenti e file vengono memorizzati su un supporto differente.

Come risolvere il problema dell’Anniversary Update su Windows 10

Non esiste ancora una soluzione definitiva ed universale: nonostante Microsft stia lavorando per risolvere il problema e abbia ammesso i disguidi provocati.
Per fortuna, nel mondo informatico, esistono sempre dei piccoli accorgimenti o piccole apparenti soluzioni che possiamo applicare per limitare i “danni”.

Una prima soluzione è quella di spostare le app e i dati nello stesso drive in cui è installato il sistema operativo.

Per chi invece non riuscisse ad effettuare il login e volesse disinstallare l’Anniversary Update nell’attesa di un fix, esistono due modi alternativi:

1. Utilizzando la console di riprisitno:

  • Riavvia il PC. Nella schermata di accesso, tieni premuto il tasto shift mentre selezioni il tasto Arresta > Riavvia
  • Dopo aver riavviato il PC nella schermata “Scegli un’opzione”, seleziona Risoluzione dei Problemi > Opzioni Avanzate > Torna alla precedente build.

2. Utilizzando l’app “Impostazioni in Safe Mode”:

  • Riavvia il PC. Nella schermata di accesso, tieni premuto il tasto shift mentre selezioni il tasto Arresta > Riavvia
  • Dopo aver riavviato il PC nella schermata “Scegli un’opzione” seleziona Risoluzione dei Problemi > Opzioni Avanzate > Impostazioni di avvio > Riavvia
  • Dopo il riavvio visualizzerai una lista di opzioni: seleziona 4 o F4 per avviare il PC in Modalità Provvisoria
  • Avvia l’app Impostazioni
  • Seleziona Aggiornamenti e sicurezza e successivamente la scheda Ripristino
  • Avvia la procedura di ripristino della precedente build e segui le istruzioni

Queste soluzione non eliminano definitivamente il problema, ma possono risolverlo qualora i blocchi fossero frequenti. Con l’avanzamento delle indagini, da parte di Microsoft, vi terremo aggiornati.

Email virus, come individuarli e quali sono le conseguenze

Un altro spiacevole evento, che si sta manifestando proprio in questi giorni, è una nuova ondata di virus mail e spam. Già in molti segnalano la ricezione di mail di risposta, anche vecchie, che arrivano da contatti a noi noti ma con dei contenuti malevoli.

Queste mail all’apparenza sono perfette e non presentano manomissioni o elementi dubbiosi, ma hanno in realtà, in allegato dei file word o excel che al loro interno possiedono dei codici malware.

Alcuni consigli utili per individuare virus mail sospette

  • La prima regola può sembrare la più banale, ma in realtà è la più ignorata:
    quando riceviamo mail inattese, dobbiamo riflettere bene se è il caso di aprire gli allegati o avanzare qualsiasi tipo di azione. È sempre il caso di chiedersi quindi se stiamo veramente aspettando allegati o più in generale mail da quel mittente. Potrebbe essere utile chiedere conferma direttamente al mittente.
  • A meno che non si parli di mail interne, tra colleghi, difficilmente riceviamo file di tipo word o excel, sono formati che solitamente restano al proprietario perché editabili. Il formato più comune per veicolare documenti o informazioni è il più universale pdf.
  • Nel caso siate amanti del rischio e scegliete di aprire il file allegato o di cliccare sul contenuto della mail, e questo vi facesse una “richiesta di sicurezza”, cioè vi chiede di sbloccare o di consentire l’accesso a contenuti esterni, potrebbe essere un forte indicatore di contenuto malevolo e molto probabilmente è un’email virus.

I rischi e le conseguenze delle email virus

I rischi che corriamo aprendo allegati o link strani sappiamo essere elevati. Molto spesso questi avviano degli script che possono rubare dati dai server e/o danneggiarli. Tutto questo si traduce in un dispendio di risorse e di energie per risolvere il problema e i danni causati.

Nell’eventualità non vi sentiate sicuri delle mail ricevute o vi è sorto qualche dubbio sui file allegati, contattate il vostro supporto tecnico di fiducia o il servizio di assistenza.
Anche il detto lo dice: “prevenire è meglio che curare”, soprattutto se si parla di informatica!

Visualizza commenti (1)

Commenti

  • Paolo

    Riscontro anche su dischi SATA tradizionali e non solo SSD. In molti casi c’è da ripristinare tutto, perdendo cose importanti. Assurdo che un update mandi in blocco migliaia di PC.

    • Autore dell'articolo
    • Rispondi

Articoli correlati

Grafica

Come evitare gli errori più comuni nel tuo sito web

Oggi voglio condividere con voi gli errori più comuni che ci negano il miglioramento della nostra visibilità on-line. Ci sono in effetti dei settori che meritano più attenzione...

Pubblicato il da Irene Carraro
Hardware

Trend Tech 2019: tutto tende alle Smart City e all’Industria 4.0

Come sempre succede a fine anno, si fa un bilancio di quello che è stato e si stila la lista dei buoni propositi per l’anno a venire. In ambito informatico i “buoni propositi”...

Pubblicato il da Davide Martinello

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a fini tecnici e di statistica. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi