Menu

Articoli correlati

Indietro agli Ultimi Articoli

Virus mail e problemi con gli aggiornamenti Windows 10

Virus e aggiornamenti possono diventare spiacevoli inconvenienti se non prevenuti. Possono farci perdere tempo e denaro, oltre che a renderci vulnerabili. Esistono degli accorgimenti? Ovviamente si, vediamoli insieme!


Virus mail e problemi con gli aggiornamenti...

Lo sappiamo: ogni volta che utilizziamo un computer o una connessione internet, corriamo il rischio di ricevere virus mail o di avviare aggiornamenti di sistema che possono rallentarci nelle attività o che bloccano il nostro lavoro.

Nelle ultime settimane, infatti, molti utenti Windows 10 stanno riscontrando problemi in seguito a pesanti aggiornamenti (Anniversary Update) che rallentano in modo significativo tutti quei pc che hanno solamente 4Gb di RAM.

Dopo il riavvio del computer è possibile che questo diventi inutilizzabile o che non vi permetta più di accedervi e di interagire con il dispositivo stesso.
Stando alle indagini compiute, la cosa si verifica in maniera più frequente se il sistema operativo è installato su una SSD, mentre app, documenti e file vengono memorizzati su un supporto differente.

Come risolvere il problema dell’Anniversary Update su Windows 10

Non esiste ancora una soluzione definitiva ed universale: nonostante Microsft stia lavorando per risolvere il problema e abbia ammesso i disguidi provocati.
Per fortuna, nel mondo informatico, esistono sempre dei piccoli accorgimenti o piccole apparenti soluzioni che possiamo applicare per limitare i “danni”.

Una prima soluzione è quella di spostare le app e i dati nello stesso drive in cui è installato il sistema operativo.

Per chi invece non riuscisse ad effettuare il login e volesse disinstallare l’Anniversary Update nell’attesa di un fix, esistono due modi alternativi:

1. Utilizzando la console di riprisitno:

  • Riavvia il PC. Nella schermata di accesso, tieni premuto il tasto shift mentre selezioni il tasto Arresta > Riavvia
  • Dopo aver riavviato il PC nella schermata “Scegli un’opzione”, seleziona Risoluzione dei Problemi > Opzioni Avanzate > Torna alla precedente build.

2. Utilizzando l’app “Impostazioni in Safe Mode”:

  • Riavvia il PC. Nella schermata di accesso, tieni premuto il tasto shift mentre selezioni il tasto Arresta > Riavvia
  • Dopo aver riavviato il PC nella schermata “Scegli un’opzione” seleziona Risoluzione dei Problemi > Opzioni Avanzate > Impostazioni di avvio > Riavvia
  • Dopo il riavvio visualizzerai una lista di opzioni: seleziona 4 o F4 per avviare il PC in Modalità Provvisoria
  • Avvia l’app Impostazioni
  • Seleziona Aggiornamenti e sicurezza e successivamente la scheda Ripristino
  • Avvia la procedura di ripristino della precedente build e segui le istruzioni

Queste soluzione non eliminano definitivamente il problema, ma possono risolverlo qualora i blocchi fossero frequenti. Con l’avanzamento delle indagini, da parte di Microsoft, vi terremo aggiornati.

Email virus, come individuarli e quali sono le conseguenze

Un altro spiacevole evento, che si sta manifestando proprio in questi giorni, è una nuova ondata di virus mail e spam. Già in molti segnalano la ricezione di mail di risposta, anche vecchie, che arrivano da contatti a noi noti ma con dei contenuti malevoli.

Queste mail all’apparenza sono perfette e non presentano manomissioni o elementi dubbiosi, ma hanno in realtà, in allegato dei file word o excel che al loro interno possiedono dei codici malware.

Alcuni consigli utili per individuare virus mail sospette

  • La prima regola può sembrare la più banale, ma in realtà è la più ignorata:
    quando riceviamo mail inattese, dobbiamo riflettere bene se è il caso di aprire gli allegati o avanzare qualsiasi tipo di azione. È sempre il caso di chiedersi quindi se stiamo veramente aspettando allegati o più in generale mail da quel mittente. Potrebbe essere utile chiedere conferma direttamente al mittente.
  • A meno che non si parli di mail interne, tra colleghi, difficilmente riceviamo file di tipo word o excel, sono formati che solitamente restano al proprietario perché editabili. Il formato più comune per veicolare documenti o informazioni è il più universale pdf.
  • Nel caso siate amanti del rischio e scegliete di aprire il file allegato o di cliccare sul contenuto della mail, e questo vi facesse una “richiesta di sicurezza”, cioè vi chiede di sbloccare o di consentire l’accesso a contenuti esterni, potrebbe essere un forte indicatore di contenuto malevolo e molto probabilmente è un’email virus.

I rischi e le conseguenze delle email virus

I rischi che corriamo aprendo allegati o link strani sappiamo essere elevati. Molto spesso questi avviano degli script che possono rubare dati dai server e/o danneggiarli. Tutto questo si traduce in un dispendio di risorse e di energie per risolvere il problema e i danni causati.

Nell’eventualità non vi sentiate sicuri delle mail ricevute o vi è sorto qualche dubbio sui file allegati, contattate il vostro supporto tecnico di fiducia o il servizio di assistenza.
Anche il detto lo dice: “prevenire è meglio che curare”, soprattutto se si parla di informatica!

Visualizza commenti (1)

Commenti

  • Paolo

    Riscontro anche su dischi SATA tradizionali e non solo SSD. In molti casi c’è da ripristinare tutto, perdendo cose importanti. Assurdo che un update mandi in blocco migliaia di PC.

    • Autore dell'articolo
    • Rispondi

Articoli correlati

Hardware

W per Windows: scadenza del supporto tecnico

Il lontano 22 ottobre 2009 Microsoft lanciava un sistema operativo che ha accompagnato l’infanzia della generazione Z e la prima giovinezza della Y: Windows 7. Oggi, dopo dieci...

Pubblicato il da Mauro Barban
Marketing

6 tips indispensabili per il tuo website nel 2017

“Quando si parla di creare un website completo, che sia al tempo stesso funzionale e ben indicizzato, c’è sempre da confrontarsi con i tempi sempre più serrati tra...

Pubblicato il da Irene Carraro

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a fini tecnici e di statistica. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi