Menu

Articoli correlati

Indietro agli Ultimi Articoli

Capitolo 1 – Da dove parto con la fatturazione elettronica?

Sono ancora molti i misteri sulla fatturazione elettronica: facciamo un po' di ordine e chiarezza in questo Primo Capitolo dedicato alla Fattura Digitale e alla sua Conservazione!


Capitolo 1 – Da dove parto con la...

Fatturazione Elettronica 2019: che tu sia un’attività pubblica o privata poco cambia, la fattura digitale e la conservazione della stessa è in arrivo per tutti!
Se ne sente molto discutere, ma troviamo ancora molti misteri e punti poco chiari: per questo motivo ho scelto di proporre un ciclo 4 Capitoli per dare risposta alle domande più frequenti sull’argomento, con la speranza di esserti d’aiuto per fare un po’ di chiarezza su questo tema che sembra ancora un po’ astratto.

Fatturazione Elettronica: Come funziona in breve?

processo di fatturazione elettronica

Coma funziona il processo di fatturazione elettronica

Prima di addentrarci tra le varie domande, vediamo brevemente le caratteristiche che ci vengono richieste per adempiere agli obblighi della Fatturazione Elettronica:

  1. È necessario inviare la Fattura telematica attraverso l’SDI in formato XML;
  2. Ogni fattura, inviata o ricevuta, deve essere munita di Riferimento Temporale, della Firma (qualificata o digitale), e infine dev’essere indicato l’indirizzo della Mail PEC o del codice Identificativo del Destinatario.
  3. Conservazione a norma: Il decreto “Legge di Bilancio 2018” rende obbligatoria l’archiviazione delle fatture emesse e ricevute.

Capito come funziona, scendiamo più nel dettaglio dell’argomento.

È vero che tutte le Fatture devono essere inviate entro le ore 24 del giorno in cui ho emesso la fattura?

La Legge di Bilancio 2018 fa una chiara distinzione tra “Fattura Immediata” e “Fattura Differita”.
Come dice la parola stessa, nel primo caso il documento deve essere trasmesso nel momento in cui si effettua l’operazione, per tanto è necessario inviare le fatture entro le ore 24 del giorno in cui si “stacca” la fattura; al contrario, nel secondo caso, è ancora possibile emettere una Fattura riepilogativa con TUTTE le operazioni eseguite allo stesso Cliente.

La Fattura differita può ancora essere emessa il 15 del mese successivo rispetto le innumerevoli operazioni eseguite per lo stesso Cliente, è compito però, del fornitore indicare il mese di riferimento per la corretta liquidazione nel momento di Compilazione del Registro IVA Vendite.
Nonostante non sia specificato, è comunque necessario trasmettere la Fattura differita entro le ore 24 rispetto la data di emissione indicata nella fattura stessa.

Riepilogando: La “fattura immediata” è da emettere entro le ore 24 dall’emissione della fattura, la “fattura differita” può ancora essere emessa a metà mese, ma comunque inviata entro le ore 24 dalla data di emissione indicata.

Aggiornamento dell’ultimo secondo: pare che il tempo di invio verrà aumentato da 24h a 10 giorni, ad oggi però è solo una supposizione, nulla di confermato

Data del Documento e invio: c’è una tollerabilità nella trasmissione delle fatture nelle ore 24?

Al momento le prime Aziende che hanno già introdotto nella loro realtà la fatturazione elettronica hanno notato che sembrerebbe non esserci nessun tipo di controllo da parte dello SDI tra i legami della data di creazione della fattura e del relativo Invio.

Il Sistema di Interscambio infatti attualmente verifica i seguenti parametri:

  1. Nomenclatura e unicità del file trasmesso;
  2. Dimensioni del file;
  3. Integrità del documento (se è firmato) e autenticità del certificato di firma (se presente);
  4. Conformità del formato della fattura;
  5. Coerenza e validità del contenuto della Fattura;
  6. Unicità e recapito della fattura;
  7. Data di Emissione

In quest’ultimo punto, lo SDI verifica che la data di emissione (indicata nella sezione “Dati Generali”) NON sia successiva alla data di ricezione del file stesso.
Per il momento sembrerebbe non esistere un controllo specifico che verifichi se sono state rispettate le ore di emissione della fattura; tuttavia la tardiva fatturazione è punibile e sanzionabile.

In breve: Il Sistema di Interscambio controlla la data di Emissione della fattura, che deve essere antecedente o coincidente con la data di emissione, ma non verifica che siano state rispettate le ore 24 del giorno.

Fattura Differita: posso ancora farla?

Come già anticipato prima, la trasmissione della fattura differita resta valida, ma con qualche piccola modifica e accorgimento.
L’invio della fattura deve avvenire entro le ore 24 della data di emissione, non sarà quindi più possibile emettere delle fatture in una data successiva indicando le date precedenti.

Nel caso di specifiche tecniche da allegare alla fattura stessa, il provvedimento specifica che le dimensioni del file non può superare i 2MB. Resta possibile inserire più Ddt rispettando le dimensioni massime consentite.

La fattura differita resta possibile il 15 del mese, ma facendo attenzione alla data di emissione che deve rispettare l’invio entro le ore 24 del giorno stesso.

Fisco e Correzioni: come funziona se la fattura viene rifiutata dalla PA e devo correggerla?

A livello fiscale, la fattura elettronica viene considerata emessa nonostante il rifiuto da parte della PA (infatti resta valida la facoltà di rifiuto entro i 15 giorni da parte del destinatario).

Nel caso di rifiuto, il fornitore dovrà emettere una “Nota di Variazione”. Quest’ultima deve necessariamente passare per lo SDI ed essere conservata Digitalmente come qualsiasi altra fattura.

Inoltre, nel caso la fattura fosse già stata registrata a livello contabile, il cedente/prestatore dovrà solamente annotare la variazione contabile senza trasmettere di nuovo la Nota di Variazione allo SDI.

Riassumendo: è necessaria la sola correzione contabile, se è già stata registrata. Nel caso la fattura venisse rifiutata, l’emissione della stessa è comunque valida ai fini fiscali.

In conclusione…

Oggi tra i vari dubbi sulla fatturazione elettronica abbiamo visto che:

  1. La fatturazione elettronica funziona con la seguente formula: “Fattura, Invia/Ricevi, Conserva”;
  2. Le fatture devono essere trasmesse entro le ore 24 dalla data di emissione della stessa;
  3. È Ancora possibile creare le “Fatture Differite” a metà mese, con l’emissione dei documenti entro le h 24 dalla data di emissione;
  4. Il SDI verifica la data di emissione della fattura, ma non controlla le condizioni di trasmissione entro le ore 24;
  5. Le fatture rifiutate sono valide ai fini fiscali ed è possibile correggere le fatture inserendo la “nota di variazione”.

 

Non vuoi Aspettare le prossime pubblicazioni sulla Fatturazione elettronica? Approfondisci il tema SENZA IMPEGNO insieme ad un Tecnico!
Chiedi al TECNICO
Visualizza commenti (0)

Commenti

Articoli correlati

Amministrazione

Capitolo 3 – Date e Firma Digitale: Cosa devo fare per essere a Norma?

Bentornato nella lettura di questo nostro terzo capitolo dedicato alle Fatture Elettroniche. Abbiamo finora visto, da dove partire con la fatturazione elettronica e come...

Pubblicato il da Alessandro Righi
CRM

Software CRM: come ottimizzare la gestione dei clienti

Software CRM: la soluzione per il customer management Anche nelle piccole realtà la gestione dei clienti può risultare complicata, costruire con loro una relazione duratura è...

Pubblicato il da Valentina Coppola

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a fini tecnici e di statistica. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi