Google AdWord (R)evolution: finalmente si cambia!

Aria di novità e cambiamenti in casa Google AdWords! Le ultime news per le tue campagne di marketing online, le conoscevi?


Google AdWord (R)evolution: finalmente si...

Google AdWord (r)evolution

Ci voleva una ventata di aria fresca nella galassia AdWords, i segnali che qualcosa stava succedendo arrivavano da mesi: prima la scomparsa della colonna di destra e google-adword-revolution-cambial’implementazione del quarto annuncio nella parte superiore della pagina di ricerca, poi alcune anteprime della nuova UI incominciavano a far percepire l’esigenza di Google di orientarsi ancora di più al mobile ed è stato proprio così (giustamente dico io).

La ricerca da mobile ha già avuto il sopravvento su quella desktop e il business generato da Google e i suoi annunci per i soli Stati Uniti equivale ad introiti pari a 165 miliardi di dollari nelle casse delle aziende (si stima circa un milione) che hanno scelto la piattaforma di BigG per la propria promozione.

Ci sono poi i dati che parlano di un incremento del 50% sulla crescita delle ricerche mobile localizzate, e questo sinceramente ce lo aspettavamo, sono stati fatti nel recente passato decisi passi avanti per soddisfare chi ha questo tipo di necessità e vuole quindi trovare qualcosa nell’area in cui si trova.

Questi quindi gli ingredienti usciti durante il “Google Performance Summit” del 24 Maggio che ci hanno portato a scoprire le prime ricette che potremmo preparare di qui in avanti per pianificare le nostre strategie sulla piattaforma AdWords.

Cos’è cambiato?
  • Aumento dei caratteri disponibili nell’annuncio
  • Display Ads responsivi
  • Modifica dell’offerta in base al dispositivo
  • Aggiunta di Local Ads per le ricerche geolocalizzate
  • Nuova UI in material design

 

Più caratteri maggiore incisività

Iniziamo con l’aumento dei caratteri disponibili nell’annuncio: il titolo da 25 caratteri è stato suddiviso in due righe con la capacità di 30 caratteri ciascuna viceversa le due righe da 35 caratteri delle descrizioni state sostituite da una più massiva da 80 caratteri, il diplay url invece viene estratto in automatico dal dominio ma se ne può costumizzare la path.

 

google display ads responsive
Mobile Display

Sono stati nativamente predisposti gli annunci Display ad adattarsi al contenuto del sito in cui si trovano, in pratica dobbiamo fornire: titolo, descrizione, un’immagine ed un url e Google penserà al resto, comodo no?

 

Offerte differenziate per dispositivo

Sarà quindi possibile fornire delle offerte differenziate per dispositivo, senza dover creare delle campagne dedicate ma fornendo delle percentuali di variazione d’offerta in base alla piattaforma in cui l’annuncio compare. Ci viene quindi messa a disposizione la possibilità di variare sostanzialmente l’offerta fino ad un massimo del 900% ed è una bella comodità. All’inizio della presentazione si è proprio fatto il punto sulla situazione del mobile all’interno del panorama degli Ads focalizzandosi sul concetto che ormai non si ragiona più “SE” fare attività promozionale sul mobile ma sul “COME” farla.

 

google local ads
Concentrati sulla tua attività locale

Le attività locali avranno a loro disposizione una bella coppia di nuovi strumenti che ne determineranno, a mio avviso, un’esplosione a livello di investimenti. Sto parlando della possibilità di promuovere degli ads sia all’interno della scheda attività, sia nella mappa promuovendo i “pin”. Queste nuove opportunità vogliono far capire anche alla controparte business ciò che il consumatore ha già fatto suo e cioè l’utilizzo del dispositivo mobile per soddisfare le proprie esigenze, incentivando così un’attività spesso sottovalutata.


Conclusioni

Mi trovo ogni giorno alle prese con una clientela ancora troppo diffidente verso il mobile e le attività promozionali su queste piattaforme, c’è ancora una sorta di pregiudizio verso i dispositivi mobili, non si è ancora capito l’importanza del cambiamento e ci si ostina a voler ignorare la necessità del pubblico ma tutto ha una fine e probabilmente questa è la volta buona per cambiare pagina.

Visualizza commenti (0)

Commenti

Articoli correlati

Hardware

Quel piccolo infiltrat.exe che si trova in Little Snitch

Già con l’ingresso di MAC.OSX.AMCleanerCA la leggendaria inviolabilità dei sistemi MacOS aveva vacillato. Ora, Trend Micro ha messo in luce una nuova minaccia per i sistemi di...

Pubblicato il da Davide Martinello
Grafica

Web Designer vs Web Developer

Quando si dice “gli opposti si attraggono” è un po’ come dire “il cliente ha sempre ragione”. Sicuramente chi lo ha detto per la prima volta era un cliente insoddisfatto. Non...

Pubblicato il da Irene Carraro