Marketing Automation: 7 strategie per il vostro e-commerce

Relazionarsi con gli utenti per incontrare le loro esigenze e stimolare l'acquisto: ecco cosa devi sapere del Marketing Automation!


Marketing Automation: 7 strategie per il...

Abbiamo già visto in altri articoli come il Marketing Automatizzato viene incontro alle esigenze delle aziende nella gestione dei rapporti con i clienti: le campagne di marketing automation consentono di sfruttare diverse strategie costruite per adattarsi in base al target e ai diversi comportamenti degli utenti.

Il concetto alla base di queste strategie quindi è quello di personalizzare i messaggi ad ogni utente e di coinvolgerli per soddisfare le loro esigenze. Esistono infatti diversi tipi di campagne automatizzate.

Tipologie di campagne di Marketing Automation

Uno degli strumenti che si adatta perfettamente a questo tipo di strategia di comunicazione è l’e-commerce. Vediamo alcune delle tipologie di campagne tra le più diffuse:

1. Messaggi di benvenuto

Tutti noi almeno una volta ci siamo registrati ad un’e-commerce o ad un qualsiasi altro sito o newsletter. Ogni volta che l’abbiamo fatto, abbiamo ricevuto di conseguenza un’e-mail di benvenuto. Ecco questo è un primo chiaro esempio di Marketing Automation.

L’e-mail di benvenuto serve ad avere il primo contatto diretto con il cliente che, per il fatto di essersi iscritto, ha evidentemente dimostrato interesse nei nostri confronti. Questa è una prima occasione per introdurre l’utente nel nostro mondo, descrivendogli chi siamo e introducendo i nostri prodotti o servizi costruendo così un po’ alla volta un rapporto di fiducia.

Saluta i tuoi i Clienti non appena eseguito la registrazione all’interno del tuo Portale: dà loro il tuo Benvenuto!

2. Messaggio di recupero carrello

Il carrello abbandonato è il tallone d’Achille dei retailer online, molte volte mettiamo nel carrello cose che poi effettivamente non si acquistano. Attraverso la Marketing Automation è possibile programmare in maniera automatica l’invio di un’email poche ore dopo l’abbandono del carrello, dove si ripresentano gli articoli in questione, magari con eventuali promozioni o buoni sconto.

L’obiettivo è quello di incoraggiarlo a concludere l’acquisto, attualmente è una delle campagne più efficaci che permettono di avere un vero e proprio ritorno economico. Il 63% del fatturato che viene perso a causa di carrelli abbandonati può essere recuperato grazie ad attività di Marketing Automation.

Recupera fino al 63% del tuo Fatturato attraverso la Comunicazione dei Carrelli abbandonati.

3. Messaggio di feedback del primo acquisto

Solitamente questo tipo di messaggio viene inviato dopo l’acquisto per verificare la soddisfazione del cliente e magari consigliare prodotti correlati. Questo tipo di messaggi può fungere anche da “sicurezza” per confermare l’acquisto e per rassicurare l’utente sul corretto funzionamento dell’operazione.

Comunica ai tuoi Clienti l’esito positivo dei loro Acquisti o aiutali inoltrando una guida in caso di problemi con l’acquisto del loro Prodotto.

4. Up-selling e cross-selling

Molto spesso quando stiamo guardando un prodotto su Amazon, subito sotto ci compaiono altri prodotti con la dicitura “altri utenti hanno acquistato anche”. Il concetto di upselling  si riferisce al proporre prodotti di qualità superiore a quello attualmente visualizzato, mentre il cross-selling propone oggetti correlati, alternativi o accessori a quello di riferimento.

Incrociando i dati di acquisto e i dati comportamentali si possono inviare ai clienti messaggi con offerte definite sulla base delle informazioni ricavate. In poche parole, si suggeriscono prodotti che potrebbero interessare il cliente, con l’obiettivo di portarlo ad effettuare ulteriori acquisti.

Consiglia loro le opportunità più convenienti e gli accessori correlati aumentando il tuo Valore Medio a Carrello.

5. Goal activity

Queste sono campagne che si attivano in seguito a dei “traguardi” raggiunti dagli utenti. Questi goal possono riferirsi ad esempio agli utenti che sono iscritti da molti anni, o che effettuano un certo numero di acquisti.

Il concetto è quello di dare un vantaggio o un privilegio a questo tipo di utenti per ricompensarli di una loro determinata azione.

Coinvolgi il tuo Pubblico proponendogli degli obiettivi da raggiungere: stimola la loro fiducia nei tuoi confronti!

6. Re-engagement e riattivazione

Questo tipo di campagna è destinata a chi non acquista da molto tempo, consiste nell’invio di mail che devono stimolare l’utente a riprendere l’utilizzo del nostro sito per effettuare i suoi acquisti. Questo tipo di azione si può incentivare illustrando nuove promozioni o prodotti scontati.

I dati ci dicono che recuperare una persona inattiva è meno costoso che acquisire nuovi utenti, quindi le campagne di riattivazione risultano essere tra le più efficaci.

Stimola il Database Clienti a mantenere i rapporti con te.

7. Best customer

Sono le campagne destinate ai clienti più fedeli o redditizi con l’obiettivo di farli sentire importanti. Dando dei riconoscimenti agli utenti più meritevoli si può incentivare la fidelizzazione e garantirsi la possibilità che questi acquistino nuovamente da noi.

Premia i Clienti che ti hanno sempre manifestato Fiducia e Sostegno acquistando i tuoi Prodotti: loro saranno la tua migliore pubblicità gratuita!

I contenuti non bastano, l’occhio vuole la sua parte

Abbiamo visto quindi che le possibili applicazioni del Marketing Automation sono molte, ma il contenuto in sé non basta. L’e-mail deve essere supportata da una grafica attrattiva o istituzionale in base alle esigenze, ma comunque BELLA!

Un altro importantissimo requisito di questo tipo di comunicazione è che i messaggi vengano progettati per essere responsive, cioè visibili e fruibili da qualsiasi dispositivo. Vista la crescita ormai esponenziale dei dispositivi mobile, non implementare questo aspetto potrebbe rappresentare un grosso problema di leggibilità, di funzionalità della strategia e di conseguenza di immagine Aziendale.

Ricorda: un bel testo non basta, se non è supportato da una buona rappresentazione Grafica!

Conclusioni

Le applicazioni della Marketing Automation possono essere molte, alcune le abbiamo viste e analizzate qui sopra, ma il panorama è veramente ampio: basta un po’ di fantasia. Intervenire al momento giusto, con i giusti contenuti per coinvolgere l’utente, significa lavorare in maniera corretta per spingere l’utente a compiere le azioni desiderate, e di conseguenze raggiungere gli obiettivi.

Questo sistema di automatizzazione consente inoltre di semplificare e velocizzare i processi di gestione dei clienti, oltre che a migliorare e coltivare i rapporti insieme a loro.

Cosa aspetti?
Integra la tua soluzione di Marketing Automation nel tuo Ecommerce!
Chiedi al TECNICO
Visualizza commenti (0)

Commenti

Articoli correlati

Grafica

UI/UX – Una partita a scacchi senza manuale d’uso!

Una leggenda racconta che l’inventore degli scacchi chiese al Re di Persia, come ricompensa per la sua invenzione, un chicco di grano per la prima casella della scacchiera, due...

Pubblicato il da Irene Carraro
Sicurezza

Gmail: sviluppatori possono leggere le mail degli utenti

Negli ultimi giorni sono nate polemiche nei confronti del colosso di Mountain View in termini di privacy. Un rapporto del Wall Street Journal afferma che sviluppatori di terze...

Pubblicato il da Davide Martinello